Tastiere arranger

Arranger, tastiere da suonare con stile

Posts Tagged ‘fiera

MusikMesse 2018: le conclusioni

with one comment

L’edizione 2018 del MusikMesse potrebbe passare alla storia come quella in cui il calo di visitatori ha accentuato una curva discendente che, ad onor del vero, si trascinava da tempo (secondo gli organizzatori, i visitatori sono stati il 10% in meno dello scorso anno). E’ un fenomeno endemico e non è un caso: in tutto il mondo, le fiere tradizionali hanno difficoltà ad attrarre le grandi folle, sin da quando i clienti e il mercato hanno avuto la possibilità di aggiornarsi quotidianamente tramite Internet. E questo vale non solo per gli strumenti musicali, ma per qualsiasi categoria merceologica.

Veniamo ora al nostro argomento preferito: gli arranger. E scorriamo velocemente insieme le novità dei presenti e commentiamo anche gli assenti.

I presenti

  • Come da tradizione, lo stand Yamaha ha annichilito la concorrenza in quanto a numero e varietà di strumenti esposti. Per quanto ci concerne, non abbiamo registrato novità arranger. La casa giapponese ha però avuto il modo di presentare, per la prima volta in una fiera europea, i modelli di arranger annunciati nel 2017: PSR-S975, PSR-S775, PSR-EW401, PSR-E463 e Genos. Per quest’ultima, non è mancato l’annuncio di una nuova versione software 1.30, particolarmente interessante. Merita una memoria a parte l’esibizione dal vivo del polistrumentista Jacob Collier.
  • Anche nello stand Korg non abbiamo assistito al lancio di nuovi modelli arranger. I clienti hanno potuto però apprezzare l’annuncio di aggiornamenti software per modelli che sono sul mercato da parecchi anni.
  • In termini di novità di prodotto, anche quest’anno la parte del leone l’ha fatta Ketron presentando in fiera i primi due discendenti di SD9: trattasi di SD60 (61 tasti e amplificatori di bordo) e SD90 (modulo arranger). Da ricordare l’esibizione travolgente di progressive rock da parte di un bravo Marcello Colò.
  • Lo stand Casio ha ospitato la presentazione europea della nuova serie di tastiere economiche CT-X. E il loro spazio è stato il teatro di una convincente performance dal vivo di Cory Henry.
  • Anche nello stand Orla, non ci sono novità arranger: è stato riproposto il pianoforte codino Grand 500 con sezione arranger.

Gli assenti

  • L’assenza che è stata notata di più in fiera è quella di Roland. Ma non è la prima volta che succede.
  • Anche Dexibell quest’anno non ha avuto uno stand tutto suo: è stato un peccato per i visitatori del MusikMesse; sono convinto che molti avrebbero avuto piacere di poter provare di persona i due nuovi prodotti (VIVO S9 e VIVO SX7) presentati al Winter NAMM di gennaio.
  • Anche i due produttori tedeschi (Wersi e Deebach) non si sono presentati con un proprio stand a Francoforte.

Dulcis in fundo

Il mercato muta per sua natura: non è mai fermo. E così il mondo delle tastiere arranger è ancora in evoluzione. Nuove sfide del futuro ci attendono e il MusikMesse 2018 è stata testimone di un momento di transito e di passaggio che dura da qualche anno. I contorni del futuro sono ancora incerti, ma qualcosa si intravede. In questo blog cercheremo di raccontarvi la storia di questa ricerca e vi aggiorneremo sui prossimi sviluppi, nell’ambito delle nostre possibilità e contanto sulla fiducia accordata da voi lettori di Tastiere Arranger.

Fate clic, godetevi questo filmato riassuntivo del MusikMesse 2018 e poi finalmente… relax!

Written by Renato, Arranger Workstation Blogger

16 aprile 2018 at 05:00

MusikMesse 2018: lo stand Yamaha

with 4 comments

Spazio per dimostratori arranger al MusikMesse 2018

Aspettavamo Yamaha al varco, dopo che aveva sparato i propri colpi migliori al Winter NAMM di gennaio: nell’occasione americana, l’azienda giapponese aveva infatti presentato due coppie di novità arranger, PSR-S975 con PSR-S775 per i più esperti e PSR-EW410 e PSR-E463 per i musicisti in erba. E l’evento di Francoforte diventa la prima occasione in cui Yamaha può presentare in una fiera europea il nuovo top di gamma, Genos: il super modello lanciato nell’ottobre 2017 è ora ammirabile in tutto il suo splendore al MusikMesse, approfittando della collaborazione di un endorser di eccezione come Jacob Collier, polistrumentista e giovane vincitore di Grammy. Non solo: l’apertura della fiera coincide con l’annuncio del rilascio del nuovo sistema operativo di Genos (V1.30) che introduce interessanti novità e aumenta il livello di stabilità della macchina.

Per i clienti, si segnala inoltre la conferma della promozione in corso a favore degli acquirenti di PSR-S975, PSR-S775 e Genos che si registreranno nel database Yamaha Music Member Europe: costoro riceveranno un codice promozionale per scaricare gatuitamente un Expansion Pack fra quelli disponibili e il cui valore può arrivare fino a 169.99 Euro.

Ma c’è di più, Francoforte è l’occasione per celebrare il 35esimo compleanno della serie Clavinova e Yamaha lo fa annunciando due nuovi modelli: CLP-695GP in cima a tutta la serie e Arius YDP-S34 in versione riveduta e corretta per un prezzo molto più accessibile. La nuova ammiraglia CLP-695GP si segnala per il nuovo mobile di pianoforte a coda, per lo sfoggio di lusso, e per la grande qualità di suoni a cui Yamaha ci ha da tempo abituato. Si presti attenzione al fatto che entrambi i modelli sono sprovvisti di sezione arranger.

Sempre restando nel tema dei pianoforti classici, Yamaha si presenta al Messe con il rinnovamento della serie Disklavier annunciando i nuovi pianoforti Enspire Pro. Per chi non lo sapesse, i modelli Disklavier sono autentici pianoforti acustici dotati di un apparato di serie con sensori elettronici che permettono di registrare e di riprodurre brani musicali vedendo i tasti che si premono come se ci fosse un pianista invisibile all’opera.

Insomma, lo stand Yamaha impressiona sempre: è il più grande della fiera, occupa parecchio spazio perché ha molto da mostrare. Oltre alle tastiere, ci sono chitarre acustiche, chitarre elettriche, bassi elettrici, ottoni, legni, percussioni e dispositivi Pro Audio. Che dite? Non sarebbe un posto dove molti di noi sarebbero pronti a trascorrere una giornata intera?

______________________

E ora, per concludere, assistiamo insieme alla registrazione della performance dal vivo di Jacob Collier, un autentico one-man-band: fra i diversi strumenti Yamaha, notetere ad un certo punto Jacob esibirsi con l’ammiraglia degli arranger workstation Genos.

Written by Renato, Arranger Workstation Blogger

12 aprile 2018 at 18:51

MusikMesse 2018: Cory Henry presenta le tastiere CTX allo stand Casio

with 3 comments

Cory Henry suona una tastiera Casio CTX in fiera

La nuova serie di tastiere economiche CT-X di Casio era già stata annunciata al Winter NAMM dello scorso gennaio. Oggi al MusikMesse di Franconforte è avvenuta la consacrazione europea con un dimostratore di eccezione, quel Cory Henry che è uno fra i migliori suonatori di organo Hammond B-3 della sua generazione, ex ragazzo prodigio (debuttò al leggendario Apollo Theater a soli sei anni) e vincitore di due Grammy Award (nel 2014 e nel 2015).  Oggi 11 aprile, il trentunenne fuoriclasse del jazz e del gospel si è esibito presso lo stand Casio, per dimostrare le possibilità delle nuove tastiere in esposizione. L’amico Riccardo Gerbi ha trasmesso in diretta video l’intera esecuzione su Facebook. Ecco il link: vi consiglio di mettervi comodi e di godervi i diversi brani di questa performance.

Con la serie CT-X, Casio conferma le proprie scelte produttive e stilistiche, introducendo un nuovo generatore sonoro denominato AiX e di cui si dice un gran bene. Siamo sempre nell’ambito delle tastiere portatili alla portata di qualsiasi portafoglio e, naturalmente, la qualità costruttiva è adeguata al livello di prezzo. Tuttavia, la qualità sonora che emerge non è affatto male e dimostra di avere un buon potenziale.

I modelli sono quattro (CT-X5000, CT-X3000, CT-X800 e CT-X700), tutti e quattro hanno 61 tasti dinamici e non è facile cogliere le specifiche diversità di ciascun modello. A questo scopo, Casio ha pubblicato una tabella riassuntiva e sinottica che vi propongo qui sotto, dopo averla ridotta allo scopo di evidenziare solo le differenze.

CT-X700 e CT-X800 sono già disponibili nei negozi specializzati.
CT-X3000 e CT-X5000 lo saranno a fine aprile.

_________________________

E così dopo aver visto gli arranger Ketron e quelli Casio, possiamo passare a raccontarvi degli altri stand al MusikMesse 2018. Prossimamente qui, sempre su Tastiere Arranger.

Written by Renato, Arranger Workstation Blogger

11 aprile 2018 at 23:18

MusikMesse 2018: Ketron alza il sipario su SD60 e SD90

with 6 comments

La fiera di Francoforte apre i cancelli oggi e noi ci avviamo, come da tradizione pluriennale del blog Tastiere Arranger, a visitarla insieme “virtualmente”. Il primo stand che attira la nostra attenzione è quello di Ketron: anche quest’anno la Casa di Ancona si è presentata al MusikMesse con un paio di interessanti novità: a distanza di un anno, sono infatti arrivati i fratelli di SD9. Il top di gamma Ketron è ora affiancato da altri due modelli che, pur avendo lo stesso contenuto “sotto il cofano”, si distinguono in modo sostanziale per la veste esterna.

Chi di voi si aspettava di vedere prima poi l’arranger Ketron SD9 in versione modulo, troverà pane per i propri denti con SD90. E chi di voi era alla ricerca di SD9 in versione portatile con 61 tasti e amplificatori di bordo, potrà considerare ora il nuovo modello SD60. Insomma, tutti accontentati.

Ketron SD60, 61 tasti con amplificatori di bordo

Ketron SD60 in fiera (foto di Marcello Colò)

Tutto quello che abbiamo visto di buono in SD9 è ora qui disponibile su SD60 con le seguenti varianti:

  • SD60 ha 61 tasti semi-pesati e non 76.
  • La polifonia è sempre di 128 note e il modulo timbrico è confermato a 64 parti.
  • SD60 monta lo stesso schermo LCD a colori TFT 7” di SD9.
  • Coincidono fra i due modelli anche la libreria interna di suoni, Drum Set, Live Drum, Audio Drum, Live Guitar e Grooves. Non muta la sezione arranger da 400 styles, con relativi inserti audio e controlli vari. E tutto resta uguale per molte altre caratteristiche: Style Edit, Live Modeling, Launchpad, Double Player, Audio Multitrack Player, DJ, Juke Box, Pic& Movie, uscita video DVI, supporto memorie SSD, USB, possibilità di utilizzare dischi rimuovibili HD_ SATA, eccetera.
  • Cambia l’alimentatore esterno che passa da 9V a 15V, un voltaggio superiore e necessario per erogare il potenziale elettrico richiesto dagli amplificatori di bordo.
  • Dicevamo degli amplificatori: la potenza è di 2 x 20 Watt (due coni per le frequenze medie e due tweeter). È disponibile altresì la possibilità di abilitare/disabilitare tali amplificatori.
  • Inevitabilmente il peso aumenta e raggiunge i 19 KG. Erano 16 KG su SD9.
  • Nonostante l’assenza di un’ottava rispetto SD9, le dimensioni sono sostanzialmente le stesse (anzi 2cm di lunghezza in più), a causa della presenza di una sponda laterale su cui è presente il joystick. In pratica: 110,5 x 13,5 x 40 cm.

Ketron SD90, modulo arranger

Ketron SD90 in fiera (foto di Riccardo Gerbi)

Con SD90, Ketron intende mantenere la propria leadership nell’ambito dei moduli arranger professionali: una nicchia di mercato che da diversi anni è totalmente dominata a livello mondiale dalla Casa di Ancona. Per quanto riguarda le caratteristiche, potremmo ripeterci ancora una volta, data la condivisione di quasi tutte le specifiche tecniche di SD9. Limitiamoci a commentare alcuni aspetti:

  • Nonostante sia in formato rack, è presente uno schermo ed è lo stesso LCD a colori TFT 7” con sensibilità al tocco di SD9 e SD60.
  • Per le unità di memoria, non vi è la possibilità di collegare un disco esterno SATA, ma piuttosto esiste uno slot compatibile con le schede SD.
  • L’alimentatore esterno è lo stesso di SD9 a 9V-4A.
  • Le dimensioni sono ovviamente super compatte: 112 x 25,5 x 41 cm
  • Sebbene le dimensioni siano più ridotte, sono stati mantenuti tutti gli ingressi e le connessioni presenti su SD9.
  • Il peso è di 4 Kg soltanto.

Conclusione

Ketron non ha ancora comunicato né i prezzi né la data di disponibilità dei nuovi modelli nei negozi. Attendiamo fiduciosi.

Colgo l’occasione per segnalarvi la dimostrazione di Ketron SD9 eseguita da Marcello Colò e pubblicata da Riccardo Gerbi di SM Strumenti Musicali, nuovo canale di AudioFader. Consiglio di apprezzare l’integrazione audio, MIDI e l’uragano di diversi suoni e di parti suonati in tempo reale da parte di Marcello. Meraviglia pura: ecco il collegamento al filmato video.

 

Ritornate qui presto, vi racconterò degli altri stand presenti in fiera a Francoforte con altre novità e conferme del comparto arranger.

Written by Renato, Arranger Workstation Blogger

11 aprile 2018 at 11:26

Pubblicato su Ketron

Tagged with , , , , , ,

Winter NAMM 2018: le conclusioni

with 2 comments

Winter NAMM 2018

Dopo la chiusura dei cancelli del Winter NAMM 2018, possiamo commentare brevemente i risultati dell’evento. Anche quest’anno la fiera si è rivelata un crocevia di opportunità di business e di fresca ispirazione grazie alle 500 sessioni formative e alla presenza di oltre 115.000 professionisti del settore. I due edifici del centro congressi di Anaheim (California) hanno ospitato su livelli multipli quasi 2.000 aziende espositrici per un totale di 7.000 marchi rappresentati. La partecipazione internazionale è cresciuta dell’8%:  si sono presentati professionisti provenienti da oltre 100 nazioni. Potete leggere da voi il comunicato stampa finale in lingua inglese con maggiori dettagli e le dichiarazioni dei protagonisti ufficiali.

Noi qui, in questo blog, nel nostro piccolo ci siamo occupati esclusivamente di arranger e – per quanto ci concerne – possiamo rivelarvi che siamo stati moderatamente colpiti. Certo, il mercato è statico e non abbiamo osservato lo slancio delle grandi sorprese, tuttavia qualcosa si è mosso e, alla fine, ci sembra di poter costatare ancora una volta quanto il comparto degli arranger sia ancora attivo e abbia qualcosa da dire.

Ricapitoliamo ora quanto nei giorni scorsi vi abbiamo Leggi il seguito di questo post »

Written by Renato, Arranger Workstation Blogger

30 gennaio 2018 at 19:22

Pubblicato su argomenti vari

Tagged with , , ,

Winter NAMM 2018: lo stand Korg

with one comment

Sono tre giorni che corriamo virtualmente tra i diversi stand della fiera del Winter NAMM 2018 alla ricerca di informazioni e aggiornamenti nell’area degli arranger. Abbiamo già commentato insieme le novità per  DEXIBELL, Kurzweil, Casio, Roland e Yamaha. E ora tocca allo stand Korg.

Prologue

Sgombriamo subito ogni dubbio: de facto non ci sono nuovi annunci e grandi novità sugli arranger Korg. Lo stand era orientato a presentare piuttosto Prologue, il nuovo synth polifonico analogico destinato a chi si dedica alla creazione di nuove sonorità: lo strumento è dotato di un nuovo sistema multi-sintesi digitale integrato e un nuovo DSP per la generazione di effetti di qualità. Per la cronaca: prima della chiusura del NAMM 2018, proprio Korg Prologue è stato premiato come il Best in Show, cioè come il miglior strumento presentato in fiera.

Korg Prologue premiato al NAMM Show 2018

Pa1000 e Pa700

Per consultare l’elenco di tutti i prodotti nuovi presentati in fiera, vi consiglio la lettura diretta della pagina dedicata sul sito di Korg USA. Quello che ci preme sottolineare in questo blog è che questa era la prima occasione per Leggi il seguito di questo post »

Written by Renato, Arranger Workstation Blogger

29 gennaio 2018 at 07:00

Pubblicato su Korg

Tagged with , , , , , ,

Winter NAMM 2018: Yamaha alza il sipario su PSR-S975/S775 e PSR-E463/EW410

with 4 comments

Nei giorni scorsi, in merito al Winter NAMM 2018, vi abbiamo riportato notizie dagli stand DEXIBELL, Kurzweil, Casio e Roland. Ora è il turno del marchio più grande e, forse, il più atteso da numerosi lettori di questo blog. In effetti, è qui che troviamo il più ampio numero di novità: lo spazio Yamaha è stato utilizzato quest’anno per presentare 90 nuovi prodotti, quattro di questi ci riguardano direttamente perché toccano il comparto degli arranger.

Yamaha PSR-S975

PSR-S975 e PSR-S775

Innanzitutto Yamaha ha aggiornato i prodotti di punta della serie PSR con il lancio dei nuovi fratelli arranger workstation: PSR-S975 e PSR-S775. Dalla lettura del codice dei modelli, si intuisce che non stiamo parlando di fresca tecnologia derivata dall’ammiraglia Genos, ma piuttosto di un aggiornamento di PSR-S970 e PSR-S770 il cui lancio sul mercato risaliva all’estate del 2015. Le migliorie introdotte riguardano il numero di timbri che sale enormemente di circa 630 unità su ciascun modello, contando nel numero una maggiore presenza di voci Super Articulation, MegaVoice, Sweet!, Cool! e Live!
Il repertorio di stili sale su entrambi i modelli di ben Leggi il seguito di questo post »

Written by Renato, Arranger Workstation Blogger

28 gennaio 2018 at 20:00