Alla ricerca di arranger con tasti semi-pesati

Prima di cominciare a leggere, se non avete dimestichezza con i concetti basi delle meccaniche di tastiera, vi consiglio un breve ripasso su come Orientarsi fra i diversi modelli di tastiera in base al peso e alla dinamica dei tastiere. E sì, perché oggi proviamo a dare uno sguardo al listino completo degli arranger del 2022 sotto la prospettiva del peso dei tasti.

Una categoria a parte sono i pianoforti arranger: la presenza di tasti pesati è qui scontata. È interessante prendere nota come non sia necessario per forza spendere montagne d’oro per acquistare un pianoforte digitale: si trovano tasti pesati già a 550 euro e a salire. Ovviamente, in base all’aumentare del prezzo dello strumento, si potrà avere una meccanica di qualità crescente.

In cima a tutti gli altri arranger, ci sono i modelli dotati di tasti semi-pesati, la cui resistenza alla pressione permette di avere la giusta sensazione di sicurezza sotto le dita, agevolando velocità di esecuzione e controllo efficace dell’aftertouch. Se cerchiamo fra tutti gli strumenti arranger quali di questi montano tasti semi-pesati, potremmo trovare qualcosa di significativo soltanto nell’area degli arranger top di gamma: mi riferisco alle ammiraglie Korg Pa4X, Yamaha Genos, Ketron SD-9, SD-60 e SD-7.

Fatar TP/9 tasti semi-pesati

Nel segmento sottostante, non si hanno più tasti semi-pesati, nemmeno nelle due straordinarie coppie di arranger (autentici fuoriclasse, intendiamoci) che seguono. Da una parte ci sono Yamaha PSR-SX700 e PSR-SX900 con i loro tasti FSB: pur offrendo una certa resistenza alla corsa, presentano un contatto morbido che non permette di eguagliare i tasti FSX montati da Genos. Dall’altra parte ci sono Korg Pa1000 e Pa700, che meritano due discorsi separati: sotto i tasti di Pa1000 è incollata una sottile piastra metallica che offre una sensazione diversa rispetto Pa700; tuttavia – a mio modo di vedere – la sostanza non cambia. La mia opinione è che il produttore italo-giapponese avrebbe fatto centro riproponendo i tasti scelti per Pa800 (erano esemplari!) ed è un peccato che non li abbia riproposti qui.

Scendendo di prezzo e di categoria, negli arranger per tutti (secondo la mia nomenclatura adottata), l’esperienza d’uso varia da modello a modello e in taluni casi troviamo tasti di tipo synth che possono comunque dare fiducia grazie alla loro corsa sicura. In base alla mia esperienza, ritengo in questa categoria di prodotto si possano trovare tasti “suonabili”, chi più chi meno.

Scendendo al livello inferiore degli arranger per esordienti (dove comunque ho scelto di escludere i modelli i cui tasti non sono sensibili al tocco, giacché privi di capacità espressiva), sono presenti normalmente tasti leggeri. Sono prodotti economici al risparmio, cosa vi aspettavate?

Alla fine, possiamo affermare che – esclusi i pianoforti con accompagnamenti – non ci sono tastiere arranger provviste di tasti semi-pesati al di sotto delle ammiraglie. Occorre cioè spendere almeno 2340 euro o molto di più per trovarli.

Chissà se, a breve, qualche produttore di tastiere arranger andrà a cogliere l’opportunità di fare business in questa area oggi scoperta del mercato…

2 pensieri su “Alla ricerca di arranger con tasti semi-pesati

  1. alexdeejay73

    Hello, I am a music lover and I really like creating musical compositions with the keyboard sequencer and I am looking for a keyboard that has an intuitive and versatile sequencer, which keyboard do you suggest, the YAMAHA PSR SX900 or the KORG PA1000? I am very indecisive

    "Mi piace"

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.